Home Top Ad

Gundam AGE –UNKNOWN SOLDIERS– ⑩ New Age

Share:
Bentrovati col nostro ultimo ambizioso progettino dedicato a Gundam AGE, che prosegue le celebrazioni del 10° anniversario della serie TV anche per buona parte di quest'anno.
Si tratta della traduzione dei racconti brevi che compongono Gundam AGE -UNKNOWN SOLDIERS- (機動戦士ガンダムエイジ–UNKNOWN SOLDIERS–), la fotonovela pubblicata sulla rivista Hobby Japan e dedicata alle MSV della serie televisiva.
Concludiamo quindi questo percorso con l'ultimo racconto dedicato al Gundam AGE-1 Assault Jacket, scritto dall'autore Kazuho Hyodo, accompagnato dal gunpla di Miyuki Uehara e il mecha-design di Kanetaka Ebikawa.


"Largan, cosa pensi che lasceremo in eredità alla prossima generazione?"
Era sempre stato un ragazzo che parlava in modo schietto.
Nonostante fosse cresciuto, lo avesse superato e avesse avuto anche un figlio, per Largan Drace Flit Asuno restava sempre il solito moccioso.
Ma questo non era colpa di Flit.
Era il triste risultato della sua irresponsabilità nel cercare la tecnologia tramandata dalla famiglia Asuno e "l'eredità del Gundam" ad averlo imprigionato ben prima che potesse ricordare.
Ma anche così, Flit lo aveva sempre chiamato per nome, senza gradi. Anche ora che erano cresciuti e si erano incontrati di nuovo, questo non era cambiato.
Così Lagann si sentì un pò riappacificato con Flit, e potè rispondergli, anche se si sentiva inadeguato per quel genere di argomenti.
"Eredità? Non ti riferisci al patrimonio o roba simle?"
"Certo che no."
"Quindi parli di 'questi ragazzi'?"
Con un gesto del mento, Lagann indicò i due colossi che avevano di fronte.

Erano presso la colonia segreta Ipsen, che non era nemmeno elencata nell'edificio di autodifesa della Federazione. Sul suo porto ad uso sperimentale, riposavano due Gundam, il Gundam AGE1-AJ e il Gundam AGE1-AJ/2.
Come se sapientemente esposti da uno scenografo, il modello di Flit, noto come Unità 1, e un modello identico appena assemblato, l'Unità 2, dotata dello specifico Assault Jacket, li guardavano dall'alto con fare intimidatorio.
Quando la struttura del AGE-1 fu determinata sulla base delle informazioni raccolte dal AGE Device, gli ignegneri si erano messi a lavoro di buona lena, tanto da riuscire a replicare questa unità gemella inclusiva dei vari pezzi di ricambio, come suggerito dal AGE System.
Per quanto fosse affidabile un AGE Builder, niente poteva superare la precisione e dovizia della manodopera umana. Le forze federali dell'epoca non erano ancora convinte dell'impiego sui larga scala del AGE System, quindi decisero di stoccare i ricambi in un deposito in attesa di accertamenti, ma dopo aver constatato i dati dei ripetuti test, formularono la politica della costruzione di un "secondo modello perfetto" che utilizzasse le parti di ricambio precedentemente immagazzinate.
Tuttavia, l'Unità 1 ottenne prestazioni sorprendenti nei test, tali che l'equipe si rifiutò di apportare ulteriori modifiche.
Nel momento in cui l'invasione Vagana della Sfera Terrestre si era dimostrata sempre più aggressiva, venne improvvisamente proposto un progetto per sviluppare una seconda unità su cui installare le parti customizzate.
Venne presa in considerazione anche la produzione di massa del AGE-1.
I tentativi di applicare la tecnologia del Gundam sui mobile suit esistenti erano già stati ripetuti molte volte, ed alcuni erano stati messi in pratica. D'altra parte, l'analisi del AGE System era stata momentaneamente accantonata, quindi era impossibile per la federazione muoversi contemporaneamente su più livelli in una tale situazione di emergenza.
Dopo l'ingresso di Flit nel dipartimento di sviluppo, tuttavia, il progetto sembrava aver preso nuova vita, ed era culminato nella produzione di una seconda unità sotto il nome di "New Age Project". L'ufficio stampa sottolineò la "magia" dell'ingresso nel piano della famiglia Asuno, ma anche il Madorna Workshop aveva i suoi meriti.

"Anche se si chiama Unità 2, in realtà si tratta solo di un test operativo per il nuovo Assault Jacket."
Disse Largan, forse sentendosi un pò in colpa per aver chiamato un pilota di Gundam come Flit per affidargli il modello meno performante.
A differenza del Wear System, che si basava sulla sostituzione delle parti, il nuovo rivestimento del AGE-1 era progettato per aumentare la durata e la potenza di fuoco del Gundam in vista di attacchi contro fortezze spaziali come Ambat.
Al momento Flit era pronto a testare questo nuovo modello, appena uscito dal reparto di sviluppo.
Largan sapeva che anche lui sarebbe stato messo alla prova in quel momento.
Un modello progettato per la produzione di massa con equipaggiamento pesante, specializzato nella potenza di fuoco. Questi modelli mal assortiti sembravano simboleggiare l'incapacità della Federazione di prendere contromisure efficaci contro i Vagan, e Flit si chiedeva come ci si sarebbe dovuti comportare in questa situazione.
A Largan tornaro in mente le parole di Flit, quelle sull'"eredità".
"Beh, un pilota può dire quello che può dire un pilota, ma un fratello può dire quello che può dire solo un fratello."
"Eh?"
"Sono felice di poter volare di nuovo con te dopo tutto questo tempo."
Lagann diede un colpetto sulla spalla di Flit che gli lanciò un'occhiata perplessa.
Fu allora che l'allarme di emergenza suonò sul ponte con tempismo perfetto.

***

Era passato molto tempo dalla battaglia di Ambat, quando il Blocco terrestre era effettivamente entrato in guerra, ma gli attacchi vagani alle colonie con obiettivi sconosciuti e sporadici continuavano come sempre. Quando la rete di allarme ottico di Ipsen individuò per la prima volta un modello vagano, gli ufficiali pensarono si trattasse della solita piccola squadra nemica, ma quando le rilevazioni si fecero più precise, fu evidente come la situazione fosse più grave del previsto.
Flit e Largan, che erano partiti con un plotone di Genoace armati di DODS Rifle, si trovarono presto davanti a una forza che contava decine di modelli vagani riunitisi attorno ad una nave madre.
La nave aveva puntato Ipsen con i suoi cannoni, e la assaltava con veemenza nel tentativo di abbatterla.
Dalla cabina di pilotaggio della seconda unità AGE-1, Largan, che aveva centinaia di ore di volo sulle spalle e una conoscenza precisa di quella zona, osservava la colonia sotto attacco.
La vista gli ricordò inevitabilmente Nora.
Il luogo in cui era stato assegnato a pilota del Gundam, il luogo in cui incontrò per la prima volta Flit e il luogo dove fu sconfitto per la prima volta sotto i suoi occhi.
Era il suo destino essere lì su quel Gundam, pensò Largan.
Flit probabilmente pensava lo stesso.
"Questa volta la proteggerò."
Mentre l'Unità 2 di Lagarn riceveva questa comunicazione, l'AGE-1 di Flit si gettò contro le unità Vagan in arrivo. L'armamento del Assault Jacket, un DODS Rifle rinforzato, sputava fuoco come a dire di togliersi di mezzo, ed i nemici cadevano uno dopo l'altro.
Lasciando il più delle unità Vagan ai Genoace, Largan seguì Flit al centro della battaglia, presso la nave madre nemica.

***

La vista dell'enorme nave davanti a sè, ricordò a Lagarn un vecchio libro sulla caccia alle balene.
Il DODS Rifle a doppia canna nella mano destra e il DODS Launcher sulla spalla avrebbero facilmente messo fine ai nemici che spuntavano intorno alla nave, come degli squali. Largan era rimasto a bocca aperta dalle prestazioni del AGE-1, così evoluto dopo essere stato ritirato dal campo di battaglia; non era solo una questione di potenza di fuoco, ma anche di mobilità.
L'Assault Jacket era specializzato nella potenza di fuoco, ma questo voleva dire che il modello era anche dotato di straordinari propulsori per rendere il modello più efficente. La capacità di virata ad alta velocità era stupefacente, e dissipò da subito l'impressione di pesantezza dell'aspetto del modello, ma quello che aveva impressionato Largan era tuttavia la flessibilità del AGE-1, in grado di far fronte ad un equipaggiamento così invadente.
"Forse stai chiedendo troppo--!"
Vedendo l'AGE-1 di Flit nelle più clamorose posizioni durante lo scontro, Largan schioccò la lingua.
L'intenzione di Flit era raggiungere il prima possibile la nave nemica, che appena rifornitasi di energia si stava apprestando a riprendere il cannoneggiamento di Ipsen.
Largan lo inseguiva, quindi, mentre cercava di tenere a bada i mobile suit nemici.
Probabilmente Flit stava pensando che, anche se non fosse riuscito a raggiungere la nave madre per impedire il bombardamento, magari con l'Assault Jacket avrebbe potuto almeno deviare il colpo diretto verso la colonia. E sembrava fattibile-
"E' così che vuoi diventare un "Salvatore"? Allora anche io sono un Messia! Sono anch'io a bordo di un Gundam!"
Poco prima che la nave rilasciasse tutta la potenza dei suoi cannoni, l'Unità 1 riuscì a lanciarvisi davanti; quasi contemporaneamente, fece partire tutti i suoi cannoni all'unisono, mentre i fari della nave nemica si illuminavano.
Senza neanche guardare dove stesse andando l'attacco di Flit, Largan si lanciò con l'Unità 2 contro l'Unità 1. La loro visuale fu coperta dal bagliore del cannone principale nemico, e nel mezzo di tutto ciò, Largan credette di sentire la voce di Flit di quando era ragazzino-- Una voce che aveva la consiostenza di un'ombra--

***

"...gan... Largan!"
La voce di Flit svegliò Largan.
Sul monitor era visibile l'Unità 1, danneggiata ma integra, galleggiare in mezzo a una gran quantità di rottami.
In lontananza era ancora visibile il bagliore della colonia Ipsen: l'attacco sferrato da Flit aveva modificato la traiettoria del cannone della nave, quindi era stata mancata con ampio margine.
Era proprio il "salvatore", alla fine...
Con un sorriso amaro, Largan potè solamente sospirare.
"Flit."
Non appena accese la comunicazione e parlò, potè sentire il sospiro di sollievo provenire dall'Unità 1.
"L'AGE-1 è il miglior modello che io abbia mai visto, e anche l'Unità 2 non è male, persino l'Assault Jacket. Tuttavia--"
Con l'immagine di Flit da ragazzino davanti agli occhi, Largan continuò a parlare.
"Non mi interessa questo genere di accroccaglia militare, nè i risultati della guerra solo in termini numerici... Crea solo il Gundam che preferisci."
Largan sentì un sorriso crescere sul suo viso.
"L'unica cosa che possiamo lasciare alla 'nuova generazione' è questo genere di sogno."

Il "Jacket System" è stato presentato dal dipartimento di sviluppo militare come un progetto per promuovere la versalità del Gundam AGE-1 senza avvalersi del Wear System e del AGE System.
Il concetto di base fu sviluppato da Dique Gunhale, unitosi ufficialmente all'esercito qualche tempo dopo la Battaglia di Ambat.
L'Assault Jacket è un equipaggiamento che si concentra sul miglioramento della potenza di fuoco e delle capacità difensive, con vari sensori per migliorare la precisione delle armi da fuoco e un numero maggiore di propulsori in preparazione degli attacchi a fortezze spaziali.
In seguito fu sviluppato il Glastron Launcher specifico per l'AGE-1 Full Glansa, evoluzione finale del Jacket System.
L'unità 2 del AGE-1 costruita durante lo sviluppo del sistema, divenne la base per la progettazione del Adele, rilasciato successivamente.

1 commento:

  1. Ah, eccellente!
    Grazie mille per aver fornito al fandom italiano un'altra "chicca" come questa.

    RispondiElimina