Home Top Ad

MACRO GRADE - Gundam Days Report!

Share:
Ieri pomeriggio ho affrontato il gelo dicembrino in barba alle mie pietose condizioni di salute per visitare la mostra dedicata a Gundam e la sua interpretazione di fan (e anche non fan, direi...) italiani dal titolo MACRO GRADE - Gundam Days.
A scanso di equivoci, l'evento non aveva nulla a che fare con la Bandai. Se non fosse chiaro, visto che a volte sovrastavano anche i nomi degli artisti, gli sponsor principali erano l'Enel e la Wacom.
Le informazioni sull'evento erano praticamente assenti (sarebbe stato gradevole un pamphlet esplicativo di qualche genere-- Ce n'era uno in realtà, ma sponsorizzava solo i prodotti scontati Wacom in vendita in loco)-- Credevo che essendo organizzata da gruppi ludici avrei trovato qualche tavolino con giochi a tema, ad esempio, ma non era il caso: in effetti sulla pagina Facebook si parla di "promozione culturale " de "il mondo del Gunpla e del modellismo in genere". Stupida io ad essermi fatti aspettative differenti.

Ma non facciamo le solite lagne e concentriamoci sull'offerta della mostra!
Adagiato sulle "passerelle" del MACRO, l'allestimento era sfizioso e di un certo pregio, anche se a prima vista piuttosto ridotto.
In realtà gli spazi erano letteralmente stipati di delizie per gli occhi, contributi originali di vari artisti italiani sul "concept" di Gundam.
Le tecniche erano sia digitali che tradizionali ed è stato semplicemente strepitoso entrare in contatto con una tale varietà di stili e concetti, tutti accomunati dal mobile suit bianco e la sua leggenda in terra italica!




In realtà molti lavori, seppur artisticamente validi, mostravano alcune lacune conoscitive per quanto riguarda la serie vera e propria cui facevano riferimento, ma l'idea era anche di rappresentare la suggestione creata da Gundam in una generazione creativa, non necessariamente cresciuta e pasciuta a mobile suits... Lavori quindi belli da vedere e vivere anche solo per il loro forte messaggio generazionale di un'infanzia nostalgica e a volte tradita.

Durante la mostra sono previste anche performance di pittura dal vivo degli artisti coinvolti... Anche qui, si segnala la carenza di informazioni in proposito: arrivata mi sono trovata il dipinto già bello e fatto, senza la possibilità di vederlo nascere-- Ignoravo anche chi fosse l'autore!
Comunque davvero un'intrigante rappresentazione di Lucio Parillo di una "MS Girl" ibrida!

Parlando di "guest star", impossibile non citare il buon Kallamity (che ricordo avermi dato anticipazioni su questa mostra durante Lucca), che godeva anche di un'area a lui dedicata con i suoi modelli e illustrazioni in esposizione e una masterclass sull'ideazione e progettazione di un mecha.
Per gli altri contributi vi rimando semplicemente alla pagina dell'evento su Facebook.
Ricordiamo che da ieri è disponibile anche il catalogo della mostra, acquistabile in loco o tramite richiesta online.

Passando nell'area dedicata al modellismo,il focus erano le teste dell'RX-78-2 in resina rivisitate dai vari figurinisti e builders coinvolti, racchiuse in una vetrina dedicata.
Partendo da un "canovaccio" comune, quindi, ogni artista l'ha interpretata col suo stile e il suo gusto.




Semplicemente fantastiche!

Spazio anche all'ormai immancabile contest di modellismo organizzato da Buyers Club, e la mostra dei modelli dei membri più prominenti del gruppo...



Da Lucca al GBWC passando per il Clash of the Titans sono tutti lì.

Via poi alla "tavolata" dei costruttori, dedicati alle loro dimostrazioni e a rispondere alle domande dei passanti.
Io ho notato anche due intrigranti anteprime: il nuovissimo PG del Gundam Exia e il HiRM del Wing Gundam Zero Custom--

Certo lo Zero trattato come zozzeria, ma vabbeh 😄

In conclusione, tanti bei contenuti originali che ispirano e pungolano al punto giusto.
Purtroppo un'organizzazione un pò precaria e frettolosa, probabilmente data anche dai tempi stretti degli allestimenti, pregiudica un pò la fruizione dell'evento, ma essendo una mostra praticamente unica in Italia, con focus sulla nostra mejo gioventù creativa, gratuita e in uno degli spazi più suggestivi della capitale, non si può non raccomandarne la visione, nella speranza di vedere altri, nuovi eventi sulla scia di questi "giorni gundamici" un pò più di ampio respiro a livelli di contenuti.
Per tenervi aggiornati in tempo reale sui vari eventi in programma vi rimando quindi alla pagina di LudoManiacs, mentre per tutte le altre informazioni non segnalate in questo post, il riferimento è sempre la pagina dell'evento!

Nessun commento